sabato 19 settembre 2009

Il grigio topo entra nella mia casa

Non so.
Non so che dire.
Ho uno svuotamento strano. Mi sento come un palloncino al quale hanno dato fiato e fiato, per poi lasciarlo andare con il vento in poppa fino all'esaurimento.
In realtà questo senso di svuotamento nasce da una bella notizia: da gennaio dovrei ritornare a casa, in quella casa lasciata in una notte, senza nemmeno poterla salutare a dovere. A Gennaio avrò occasione di salutarla e di rimanerci. Marco se ne va in un'altra casa, in cambio niente mantenimenti vari o cose simili. Bene. Ufficiosamente, invece, Marco mi ha detto che, di qualunque cosa avessi bisogno, lui ci sarà. Sapere che lui ci sarà mi svuota.
Mi svuota dal rancore, dalla rabbia, dall'antipatia, dal desiderio di "fargliela vedere" (oh, non fraintendere!) e mi pare di non avere più niente di lui, se non quell'amore di cui ho perso i contorni e i colori. Si sta ingrigendo tutto. Di noi rimarrà una tonalità topino, mentre, dopo il nostro primo bacio, ero certa -maledette certezze!- che, con lui, avrei cavalcato una vita bianco-azzurro-rosso.
Invece -toh!- beccati il grigio topo e porta a casa.

6 commenti:

Laura S. ha detto...

Bhe, puoi sempre provare a ricolorare tutto.
E' difficile, ma si può sempre provare...
La vita riserva sempre sorprese! ;)
Non mollare, Nua!
Ciaoo!

Lindalov ha detto...

Ha cambiato colore ma anche forma. Così non dovresti guardare il tutto con gli stessi occhi di quando era rosa...

Ti abbraccio!

LL

il giardino di enzo ha detto...

Siamo cresciuti a Biancanevi e Principiazzurri e poi ci stupiamo della realtà. Io la mia Biancaneve la sposai che già sapevo che la storia fra noi era finita e ci feci pure prole.
Non ti crucciare così, la seconda vien sempre meglio della prima (oh, non fraintendere!). A me così è andata, da vent'anni sto con lei e a volte mi sembra ieri. Un saluto molto fiducioso

nua ha detto...

Lo so, si cambia, arriveranno nuovi colori, però a me piacevano tanto i vecchi.
Sono un po' sbilanciata verso il passato, ma credo sia normale, per adesso.
Grazie per le vostre parole. Ah che palle che sono!

Lindalov ha detto...

Ma no!
Non sei palle!

Ognuno ha bisogno del suo tempo e di quella piccola dose di fortuna che ti faccia trovare delle compagnie splendide con cui dimenticare i giorni del passato.

Poi più si cresce e più si è malinconici.

Chica ha detto...

e poi il grigio è un colore sul quale puoi stendere qualunque altro colore..anche un arcobaleno!!! Parola di imbrattatele!!!!!:D


(.....e giuro che dal basso del mio tombino faccio fatica a scrivere parole come queste, ma le penso davvero, anche se io un arcobaleno non ce l'ho spero sempre che qualcuno possa trovarlo)