venerdì 30 aprile 2010

Che poesie avrebbero sfornato se...

La domanda mi assilla da ieri.
Trovati i miei quaderni della terza superiore, mi sono imbattuta in una mia analisi del testo di "Nebbia" di Pascoli. Una roba talmente deprimente...
Le anafore, le contrapposizioni, i cimiteri,i morti, il pessimismo stratosferico...
Mi chiedo: ma se a quei tempi fossero esistiti gli antidepressivi, che poesie avrebbero sfornato poeti come Leopardi o Pascoli?

3 commenti:

il giardino di enzo ha detto...

Avrebbero scritto allegre filastrocche per bambini?
Mi sarei perso "L'infinito", che tristezza.

nua ha detto...

Noi ci saremmo persi "L'infinito", ma loro avrebbero gioito di più.
Ma poi la mia domanda doveva essere: un antidepressivo può cambiarti l'anima? Un Leopardi sarebbe davvero diventato un compositore di filastrocche per bambini se gli avessero dato un antidepressivo?

il giardino di enzo ha detto...

Non credo avrebbe scritto filastrocche, era una battuta la mia. Giacomino+Prozac= sguardi nell'infinito e penna nel cassetto, temo. Ciao Grande Piccola Nua